Matrimonio di Maeva e Nicola presso Casina Calò a Casarano

Un reportage fotografico che racconta le emozioni di Maeva e Nicola, una coppia che ha scelto il rito civile nella cornice di questa bellissima masseria a Casarano, in provincia di Lecce, per il giorno più bello della loro vita.

L’estate sembra saperlo da sempre cosa sia l’amore.

Non a caso Maeva e Nicola per raccontare il loro hanno scelto un pomeriggio di luglio caldo, di quelli tipici a sud in cui il vento, quando c’è, è bollente e il tempo sembra essere come sospeso, come se trattenesse il fiato, tagliato solo dal suono delle cicale.
Un amore festeggiato in una dimora storica ottocentesca, un tempo residenza estiva di famiglie nobiliari, in cui Nicola e Maeva hanno coronato il loro sogno.

Dal rito civile celebrato a Cologny, un paese del Canton Ginevra, alla festa in Salento il passo non è, propriamente, brevissimo, date le distanze, ma questo per gli sposi è il luogo perfetto in cui riproporre i festeggiamenti in modo intimo, a partire dal rito simbolico sino al ricevimento a Casina Calò.

Maeva radiosa nel suo abito in chiffon della collezione Pronovias, un modello con gonna svasata di grande movimento, connubio con il corpetto in guipure dalla scollatura a V sul davanti e una profonda sulla schiena. Uno stile bohemien da far risaltare con un trucco semplice, discreto e  raffinato a cura di Barbieri  & Pitardi, l’acconciatura a cura di Nocco Parrucchieri, morbida e raccolta con un ramo di Gypshphila a dare quel tocco romantico, ma molto naturale senza alcuna sofisticazione.

Nicola, lo sposo, outfit composto da un abito blu e papillon con micro fiorellini, il gilet dal tocco british e classy, l’attendeva sotto un arco adornato con splendidi fiori, un sorriso largo e sincero. L’ingresso di Maeva è stato preceduto da sei damigelle, le amiche di una vita e i loro delicatissimi abiti rosa cipria, oltre a due deliziose e biondissime flower girl.

Un matrimonio non convenzionale in cui gli sposi hanno deciso di rimandare lo shooting fotografico di una settimana per poter raggiungere i maestosi Faraglioni di Sant’Andrea, uno scenario selvaggio fatto di rocce, cavità, sporgenze e grotte avvolte dalle sfumature turchesi del mare a fare da scenario unico, un panorama perfetto per imprimere quel momento per sempre con un bacio dal retrogusto salmastro.

Se è vero che ogni matrimonio è il frutto di una ricerca e di uno stile che rispecchia gusti e caratteristiche degli sposi, quello di Maeva e Nicola raccontava di semplicità, discrezione e raffinatezza. La cura in ogni dettaglio era tangibile, dal welcome sign a cura di Sogni di Carta Weddings, alle decorazioni floreali sia del rito che del banchetto opera di Michele Platì.

La natura faceva da sfondo, perfettamente a suo agio, nel contesto country chic, tra decorazioni fatte con ramoscelli di ulivo, ortensie e roselline, illuminate da una pioggia di candeline che rischiaravano la serata senza però interferire con la bellezza del cielo in cui quella sera sembravano brillare ancora più stelle. 

Anche il banchetto nuziale non si è discostato dalla semplicità che faceva da filo conduttore, ma senza il timore che  risultasse scarna dato che gli ospiti sono stati deliziati dalle prelibatezze dello chef Pasquale Bono, vincitore del prestigioso premio del Prix Culinaire “Pierre Taittinger“, che ha riproposto la genuinità dei piatti tradizionali salentini per festeggiare in grande e con i sapori del sud l’amore dei due sposi.

Location: Casina Calò Casarano

Dress: Pronovias

Flowers: Emmeplati